Dalla pianta madre della rivista l’Ambaradan, laboratorio multiforme, nasce una casa editrice: “Le marze“. Le marze sono porzioni di rami provviste di una o più gemme. Devono essere prelevate a fine inverno, prima della ripresa vegetativa. Vengono utilizzate nel campo degli innesti

Con questo nuovo spazio progettuale intendiamo dare una vita nuova ed autonoma ai contenuti pubblicati a puntate sulle pagine della rivista.

Inauguriamo la prima collana editoriale, “Gli Ailanti“, con un racconto meta-lettarario di Marco De Leonibus dal titolo “Il Guardasala“.

Il Guardasala è un viaggio evanescente tra le fantasie ed i ricordi, in un mondo cerebrale, dove i personaggi smettono di cercare gli autori e gli autori, ubriachi di parole, smettono di scrivere libri e si abbandonano alla deriva in pagine bianche e piatte come il mare. 

“La semplice vista è una condizione passiva, ma nello sguardo avviene una compartecipazione tra la realtà e l’anima. Sulle nostre retine creiamo mondi. Le apparizioni permeano, dietro le saracinesche delle palpebre, nella cornea, nella pupilla, nel cristallino, nel corpo vitreo, nei fiumi dei vasi retinici. Si impregnano nella luce mnemonica.”

MARCO DE LEONIBUS